sabato 15 ottobre 2011

Sfrontatezza

Ormai neanche più la buona creanza di aspettare qualche giorno: due ore dopo aver ottenuto la fiducia, quattro nuove nomine nel governo. Due promozioni e due nuovi ingressi. Apporti fondamentali? Non se ne poteva fare a meno, suppongo. Ci verranno a raccontare che grazie a loro, verrà risolta la crisi del governo e del paese tutto. Che soddisfazione, eh.

Molti se la prendono con l'opposizione che non riesce a far cadere il governo. Mi preme ricordare che l'opposizione non ha i numeri, e la maggioranza, ogni volta che è in pericolo, mette mano al portafoglio: al nostro portafoglio, naturalmente, dato che i quattro nuovi incarichi non saranno certo pagati con il patrimonio di SB.

Poiché non ha i numeri, è inutile continuare a insultare l'opposizione per non essere in grado di "abbattere" SB. E' vero, sono politici penosi e incapaci, ma non possiamo pretendere l'impossibile.

Infine, due paroline sui radicali. Quoto e approvo quanto detto da Malvino, che d'altronde li conosce molto bene. Vorrei aggiungere che la giustificazione "l'abbiamo  fatto per rispetto al parlamento come istituzione" è francamente ridicola. Di fronte a un individuo che calpesta continuamente le regole di fair play e di buon comportamento democratico, mi sembra superfluo dire che bisogna opporsi con tutte i mezzi leciti, e il trucchetto escogitato da Franceschini era lecito, anche se aveva poche possibilità di riuscire. Ma volersi smarcare adducendo un pretesto è sinceramente da poveracci. Spero che questa gente e quello che rappresenta spariscano una buona volta dal parlamento italiano. Ringraziamo Marco Pannella per quello che ha fatto nell'ormai lontanissimo passato, e mettiamolo definitivamente a riposo. Se poi vorranno, potranno sempre rifondarsi un partito radicale con proposte migliori di "facciamo l'ennesima amnistia", e presentarsi da soli. E vediamo quanti voti prenderanno.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.