martedì 1 giugno 2010

Non capisco

Seguendo il suggerimento di Wittgenstein, mi sono iscritto ai feed di Falafel Cafè, blog di rassegna dei media israeliani.

E' sempre molto difficile e "pericoloso" scrivere post sulla questione mediorentale, si rischia di sollevare polveroni infiniti di accuse reciproche, anche in Italia dove lo scontro si trasferisce immediatamente sulla linea "destra contro sinistra", e "sionisti" contro "anti-semiti".

Io di solito comincio premettendo che considero Hamas e buona parte dei gruppi arabi pro-palestina dei terroristi, molti dei quali fondamentalisti religiosi. Detto questo, a quelli che in queste ore in Italia difendono Israele senza se e senza ma (ad esempio l'ottimo Stefano e Malvino), chiedo: ma se i giornali israeliani possono criticare il loro governo, e lo stesso possono fare gli intellettuali israeliani, perché non possiamo criticare il governo israeliano noi italiani?

Lo so che la situazione si è incancrenita da troppo tempo ormai. E la vicenda di questi giorni è abbastanza poco chiara del resto: probabilmente la "Freedom Flotilla" era un pretesto, una provocazione, ma il governo israeliano ci è caduto in pieno.

La mia domanda è: se l'obiettivo del governo israeliano è di raggiungere la pace (e non posso neanche un minuto dubitare che sia così), siamo sicuri che la politica dell'attuale governo sia la più adeguata a raggiungere l'obiettivo? Da qui la mia critica, e mi sembra di essere in buona compagnia in Israele.

4 commenti:

  1. Io sono un po' scemo e non riesco ad andare oltre al ragionamento "sparare su gente disarmata = male". E "non volevano attraccare nel porto indicato dai militari israealiani" (la giustificazione data da Stefano, per quel poco che posso capire del suo articolo) mi pare l'aggravante dei futili motivi.

    RispondiElimina
  2. Tra l'altro questo è stato un errore incredibile soprattutto per Israele, e i suoi amici dovrebbero prima di tutto criticare questi atti.

    I soldati avevano altri mezzi per fermare la nave, hanno preferito fare l'assalto, chissà perché. Incredibile poi che si dica "la nave era piena di armi" e allo stesso tempo "i soldati non si aspettavano una reazione da parte dei pacifisti". Delle due l'una: o non sapevano che ci fossero dei "cattivi" sulla nave, e allora perché l'hanno assaltata in quel modo; oppure lo sapevano, e allora come mai non si aspettavano una reazione.

    Secondo me questa vicenda è la spia più evidente ed inquietante che qualcuno in Israele ha perso completamente la testa.

    RispondiElimina
  3. Oppure intendevano scoraggiare altre iniziative marittime dello stesso tenore. Fatico molto a credere che i soldati professionisti sparino sulla gente disarmata per errore, o che capiscano male gli ordini degli ufficiali, o che i politici non siano capaci di fare capire a questi ultimi cosa vogliono.
    Per dire: se volessi provocare una reazione che ti dia l'occasione di usare le armi, come ti avvicineresti a una nave? Accostandola con le dovute segnalazioni o assaltandola dall'alto con gli elicotteri?

    RispondiElimina
  4. Mah, non voglio credere che il massacro sia stato voluto dai politici israeliani, perché sapevano benissimo che sarebbe stato un suicidio politico. Sempre a sentire il sito di cui sopra, "pare che la comunità ebraica statunitense si sarebbe mostrata insofferente di fronte all’attuale andazzo politico israeliano."

    L'unica spiegazione plausibile che riesco a darmi, e che non coinvolga complotti all'interno di Tsahal, è che:

    - i politici israeliani volessero dare un segnale forte e hanno chiesto di bloccare la nave

    - i militari hanno pianificato malissimo l'operazione, e pensando che i pacifisti non avrebbero reagito, hanno mandato alcuni soldati più o meno allo sbaraglio

    - quelli appena arrivati hanno subito una reazione da parte di alcuni "pacifisti", e vista la mala parata, hanno aperto il fuoco, provocando il disastro.

    Ora la frittata è fatta, la Turchia ne esce stravicente, e sono c.zzi amarissimi per Obama e per Israele stessa.

    Complimenti alla lungimiranza dell'apparato politico-militare israeliano.

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.