venerdì 26 marzo 2010

Differenze fondamentali(ste)

Si è chiuso da qualche giorno il bando riservato ai candidati non-europei per la Laurea Magistrale che la Scuola Sant'Anna farà insieme all'Università di Trento, chiamata "Graduate Program in Information Science and Technology" (*).

Sono arrivate 274 domande da praticamente tutto il mondo. Da qualche giorno sono qui insieme ai miei colleghi a spulciarle tutte per poter valutare e formare la graduatoria finale per i non-EU. Ne ammettiamo solo 5 su 274, capite bene che fare la cernita è un compito non facilissimo. Soprattutto è estremamente difficile paragonare curriculum di gente che proviene da paesi tanto diversi come India, Cina, paesi arabi e africani, Sudamerica etc.

Nel guardare i documenti presentati, non posso fare a meno di pensare quanto siamo fortunati a vivere in Italia. Come mai?

Per esempio, abbiamo ricevuto qualche domanda dall'Iran. Nel corso di "Bachelor in Computer Science" (la nostra leurea triennale in Informatica), accanto a esami come "Phisics", "Principles of Computer Programming", "Computer Architectures", ecc, gli studenti iraniani devono passare esami come: "Islamic Studies I", "Islamic Education and Ethics", "Introduction to the Holy Coran", "Imam's Will", ecc.

Se invece andiamo a vedere i curriculum di Computer Science in paesi come il Viet Nam, troviamo: "Viet Nam Comunist Party History", "Scientific Socialism", "Ho Chi Min Ideology", mischiati ai soliti banali esami di "Computer Networks", "Algorithms and Data Structures".

Sicuramente materie molto interessanti, certo. Forse però, quando sentiamo parlare di mancanza di democrazia in Italia, sarebbe bene fermarsi un attimo a pensare per mettere le cose nella giusta prospettiva.



(*) Il bando per gli EU (quindi inclusi gli italiani) è sempre aperto: si chiude il 15 Maggio 2010! Che aspettate a iscrivervi? Avanti, vogliamo gente in gamba!

4 commenti:

  1. Questione di tempo e con ministri come la Gelmini presto avremo anche noi corsi interessanti.
    Per il passato si dice che un fisico popolare il TV avesse fatto la tesi sulla verginità della Madonna.

    RispondiElimina
  2. Guardare a chi sta peggio è un pessimo modo per pensare di non essere in una cattiva situazione.

    RispondiElimina
  3. Sottoscrivo il commento di oblomov.

    RispondiElimina
  4. don't take me wrong: certo che siamo in una pessima situazione; però mi sembra ci sia ancora un pochino di spazio per rimediare e invertire la rotta in maniera incruenta, mentre in Iran mi sembra sia troppo tardi. O no?

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.