giovedì 1 settembre 2011

Un altro italiano in Francia

Marco Delmastro ha vinto un concorso al CNRS: ecco un altra eccellenza italiana che va in Francia (anche se praticamente ci stava ormai da tempo). Ormai la Francia non ha neppure più bisogno di formare buoni ricercatori: ci pensa l'Italia a prepararli per bene e a mandarglieli in regalo. Nell'ormai lontano 2007 Marco Cirelli e colleghi scrivevano questa lettera al ministro Mussi, paventando un sistema italiano della ricerca ormai quasi al collasso: dei posti messi a conorso al CNRS, ben 35% erano stati vinti da Italiani, e la percentuale è rimasta più o meno la stessa negli anni a seguire.
E a me sembra che il sistema universitario italiano sia ormai avviato verso la definitiva autodistruzione: non credo che ci riprenderemo facilmente da anni e anni di sfacelo.

3 commenti:

  1. Giusto per aggiungere un pizzico di esperienza personale: nella mia ricerca di lavoro, a inizio 2011 mi sono anche iscritto a un concorso universitario da ricercatore FIS/01 a Torino, giusto per non lasciare nulla di intentato, e consapevole che si trattava di un concorso abbastanza "aperto", e in linea di principio solo per titoli e colloquio. A oggi, a più di 7 mesi dalla scadenza del bando, la commissione del concorso non è stata ancora nominata. Per me non si trattava di una opportunità seria - come dici bene, dall'Italia me ne sono andato per scelta ormai tempo fa, consapevole che non sarei tornato - ma per quelli per cui quel posto rappresenta l'unica possibilità? Mah.

    RispondiElimina
  2. La mancanza di prospettive, ecco il problema in assoluto più grave dell'università italiana in tutti questi anni. All'estero si programma: in Italia si va allo sbaraglio.

    RispondiElimina
  3. Ormai tutti i miei ex colleghi stanno andando in Francia dove, secondo le stime fornitemi da un prof francese rappresentato i 2/3 dei ricercatori del CNRS. Perfino gli inglesi stanno emigrando lì!

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.