venerdì 6 maggio 2011

Buone notizie per gli assegnisti di ricerca

Con colpevole ritardo segnalo che è uscito il decreto del ministero che fissa gli importi minimi per gli assegni di ricerca. Eccolo.

2 commenti:

  1. questo immagino sia il lordo.

    scusa l'ignoranza, ma a quanto ammontano le tasse (e la trattenuta per la pensione) nel caso questa sia l'unica fonte di reddito?

    alessandro

    RispondiElimina
  2. Ciao,

    penso sia il lordo per il borsista, mentre il lordo amministrazione è più alto, ovvero l'università deve spendere almeno un 2000 euro in più di tasse (ma non ci metterei la mano sul fuoco, magari chiedo lumi a chi di dovere).

    Come avrai capito dall'uso della parola "borsista", l'assegno di ricerca è una borsa di studio, e a quanto mi risulta non prevede alcun versamento pensionistico. Per cui il lordo di cui sopra è quasi netto. Direi che su 19.000 e rotti, ne entrano in tasca circa 18.000 per 12 mesi.

    Infine: quello è il minimo, l'istituzione può decidere di alzare quasi senza limiti l'importo, per esempio 30.000 euro lordi non sono una cosa fuori dal mondo. Dipende dalla dotazione finanziaria di chi bandisce: chi ha progetti di ricerca europei, per esempio, potrebbe decidere di bandire borse "ricche" per attirare gente in gamba. E' il caso di noi ingegneri che fatichiamo non poco a trovare gente che ci supporti nei progetti.

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.