lunedì 3 maggio 2010

Suggerimenti Windowsiani

Un po' di cose arretrate su Python. Lo so dovevo dirlo prima, dovevo dirlo subito ma insomma...
Cominciamo con gli utenti Windows, meno fortunati perché Python non viene installato automaticamente con Windows. L'installazione di Python e wxPython è descritta nel post precedente qui. Per lanciare Python usiamo il prompt dei comandi e, a meno che abbiamo inserito la directory dove abbiamo installato Python (come descritto sotto) dobbiamo dare tutto il path. Esiste però la possibilità di creare un command file di una sola riga, io l'ho chiamato py.bat e l'ho messo nella cartella di windows. Questo è il contenuto del file

C:\Python26\Python %*

In alternativa è modificare la variabile path, con alcune decinaia di click: tirare un sospiro profondo, molto profondo, e eseguire la sequenza start / Pannello di controllo / Sistema / Impostazioni di sistema avanzate / Avanzate / Variabili d'ambiente. Per rendere la cosa meno monotona ci sono icone, tab, pulsanti ma vi assicuro che ce la possiamo fare.
In variabili di sistema cercare Path, selezionarla, selezionare modifica e aggiungere alla fine ;C:\Pyhton26 o dove avete installato Python. Restano solo un tot di OK, Conferma, Chiudi, Va bene, Sicuro, Lo so, ... e il gioco, come per magia, è fatto.

Un'utility molto comoda è Idle, la trovate in Start/Tutti i Programmi/Python26.
È una shell, come quando digitiamo python in prompt dei comandi, ma è intelligente, ci da dei suggerimenti e possiamo recuperare i comandi precedenti andandoci sopra con il cursore. Impareggiabile per provare al volo la sintassi delle istruzioni di cui non siamo sicuri.

Un'altra cosa di cui non possiamo fare a meno è un editor di testo decente. Esiste Notepad/Blocco note ma è orrendo! (il termine tecnico è fa c**are). Io uso l'ottimo Notepad2 di Florian Balmer: è gratuito, leggero, costantemente aggiornato e in inglese (ops! ma dai!!!).
Usa la colorazione della sintassi, supporta diversi programmi e accetta l'acapo sia Unix/Linux che DOS/Windows. si trova all'URL http://www.flos-freeware.ch/notepad2.html

Prossimamente: Pacchetti Grafici, GUI/IDE, Esempi e altro: a Milano si dice "la fabrica del Dom", cioè una cosa che non finirà mai.

Personale: Ho scritto queste note su un portatile con Vista mentre facevo l'aggiornamento a Lucid Lynx, ultima versione di Ubuntu. Ha richiesto sei ore tra scaricamento e compilazioni varie e al riavvio non trovava il Grub.
Il problema è noto e facilmente risolvibile, basta avere un CD di Ubuntu, anche di una versione precedente. Però il blogger che mi ha consigliato l'upgrade invece dell'installazione ex-novo poteva avvisarmi! Adesso è quasi tutto OK, ha tenuto tutte le impostazioni e personalizzazioni, compreso Gimp che è stato cacciato dalla nuova versione perché occupa troppo spazio. E mi è anche passato il cattivo umore.

2 commenti:

  1. Machessaràmmai!
    Le cose, se non le sai, salle!

    RispondiElimina
  2. In effetti ho sempre usato l'IDLE messa a disposizione da python e non mi sono mai fatto troppi problemi...
    Comunque grazie per le informazioni "Windowziane"!

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.