giovedì 14 gennaio 2010

Semplificazione

Due paroline sul "taglio fiscale".

Schema classico già rivisto millanta volte negli ultimi 15 e più anni.

1) Annuncio roboante del capo, di solito improvvisando e senza sentire nessuno prima (lui va a braccio).

2) Lanci ANSA, ripresi da tutti i quotidiani on-line

3) Portavoce dell'opposizione che rispondono con controlanci, replicati da contro-contro-lanci di agenzia dei portavoce del capo (più di uno), con frasi più o meno classiche come: "così si toglie ai poveri per dare ai ricchi", seguito da "il PD ha perso una buona occasione per stare zitto", e così via ricorsivamente

4) Il giorno dopo i "commentatori" dei principali giornali si esibiscono in pezzi di bravura in cui sostengono o avversano le tesi del capo (senza tra l'altro sapere bene quali siano, dato che fin'ora sono disponibili solo alcune frasi smozzicate), paginoni interi di calcoli;

5) La sera, i programmi di approfondimento politico (Ballarò, Porta a Porta, Matrix) si lanciano in dibattiti tra le opposte fazioni, con gli "esperti" di turno in collegamento TV. Ore e ore di risse tra i soliti noti, sinceramente inguardabili ormai, dato che da 15 anni dicono sempre le stesse cose, infarcendole di insulti. Peggio delle riunioni di condominio.

6) Tempo 2 giorni e arriva la correzione di rotta, o addirittua la smentita, con la stessa nonchalance con la quale era stata tirata la bomba iniziale. Non si può fare, c'è la crisi (ma come? non eravamo già fuori?). Oppure c'è stato l'11 settembre. Oppure, ce lo chiede l'europa. Oppure, i mercati internazionali non lo permettono. C'è stata l'invasione delle cavallette!

7) Si riparte: lanci delle agenzie, contro-lanci, contro-contro-lanci, etc...

8) Infine. Nonostante tutto questo, il governo guadagna popolarità (oppure, non la perde).

Come detto nello scorso post, e diversamente da come dice ad esempio nonèunacosaseria, quello che dice o che argomenta l'opposizione in tutto questo è abbastanza irrilevante. Siamo infatti all'assenza totale di logica! Si potrebbe paragonare alla spalla di un bravo comico: è un ottimo e comodo appoggio per lanciare le battute, ma non è che sia indispensabile a far venire fuori un bello spettacolo.

Soprattutto, è inutile che l'opposizione si metta a controbattere a queste cose. Come argomenti di fronte a cose del genere? Non c'è uno straccio di proposta: solo chiacchere dettate alle agenzie. Che ti metti a controbattere, le chiacchere?

Che dovrebbe fare l'opposizione? secondo me, semplicemente sparire. Basta, zitti, sciopero delle dichiarazioni sulle cavolate. Facciamo fare tutto a loro. Comici e spalle, facciano tutto da soli.

Una persona che arrivasse in Italia e volesse documentarsi sulla politica italiana, a vedere queste scene, prima penserebbe di essere su scherzi a parte; poi di essere su la versione italiana di saturday night live; infine, di essere in un paese di matti, o deficienti, fate voi.

Il problema è che noi questa solfa ce la beviamo ogni santo giorno da più di 15 anni. Ci siamo abituati, ecco tutto.

2 commenti:

  1. "Nonostante tutto questo, il governo guadagna popolarità (oppure, non la perde)"
    Non certo per merito suo ma per demerito degli altri (impressione consolidata anche tra i suoi stessi sostenitori). Oggi come oggi, un qualsiasi scalzacane che riuscisse a ingenerare un minimo di credibilità, riuscirebbe a mandar via Berlusconi. Il dramma è che non c'è.
    "Ore e ore di risse tra i soliti noti, sinceramente inguardabili ormai, dato che da 15 anni dicono sempre le stesse cose, infarcendole di insulti. Peggio delle riunioni di condominio."
    Di questi tempi, anche un film porno risulterebbe essere meno noioso e più interessante dei programmi di approfondimento politico; il che è tutto dire.

    RispondiElimina
  2. E' la stesa tattica di Mussolini e Hitler, prefezionata da Goebbles e elevata a raffinata tecnica commerciale dalla Publicità che ha applicato alla propaganda gli schemi Pavloviani. Nei romanzi di Orwell la falsificazione della storia diventa metodo di dominio e controllo totale.
    Quindi il metodo era ben noto.
    Se ne sono accorti tutti del sistema che il Vecchio Porco stava mettendo su, tranne D'Alema.

    Eppure le tecnica che della propaganda politica devono avergliela fatte studiare alla scuola di partito...

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.