mercoledì 21 ottobre 2009

Il problema è l'incompetenza

Concordo pienamente con Alfonso Fuggetta, e d'altronde io lo dico da parecchio tempo.


(PS: oggi sono troppo stanco, rimando la terza parte del cuscus a data da destinarsi)

4 commenti:

  1. ... e qui ti faccio una domanda da un milione di dollari:
    "E' meglio essere governati da onesti incompetenti o da disonesti capaci?"
    (ricordando la celebre ed icastica battuta di Linus, a Charlie Brown gli aveva lavato la coperta, "Credevo di far bene!": "Il mondo è pieno di persone che credevano di far bene!")

    RispondiElimina
  2. la questione non si pone, perché i nostri sono disonesti e incompetenti! :)

    (cmq, io credo che all'incompetenza si possa porre un rimedio in qualche modo, alla disonestà un po' meno).

    RispondiElimina
  3. La penso un po' diversamente. L'incompetente (eufemismo per non dire "imbecille") non riesci a cambiarlo: tale è e tale te lo tieni. Il disonesto, puoi metterlo a freno con un adeguato sistema di controlli. Il disonesto, cioé, capisce quando "non c'è trippa per gatti" e che in tal caso non gli conviene fare troppo il furbo, l'imbecille no.
    In Italia abbiamo rinunciato a un sistema serio di controlli sull'operato dei nostri rappresentanti, perciò ci troviamo in questa situazione. In altri paesi, i politici vengono messi alla berlina per questioni che, da noi, sembrano da educande. I nostri non li cacci neppure se li becchi in flagranza di reato, con la pistola in pugno, mentre stanno rapinando una banca.

    RispondiElimina
  4. Ciao, il tuo ragionamento mi torna abbastanza.

    Fammi però notare che un incompetente è ancora più facile da "beccare" di un disonesto, con un semplice sistema di controllo dei risultati. Come dici tu, però, i controlli vanno fatti, e soprattutto bisogna prendere atto dei risultati e agire di conseguenza. Ma in Italia le nostre sono proposte troppo rivoluzionarie.

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.