lunedì 16 febbraio 2009

Avere la pelle scura in Italia

Alcuni siciliani sono scuri di pelle, si sa, la vicinanza con l'Africa. Non tutti, naturalmente. Dalla Sicilia sono passati in molti: Normanni, Svevi, Spagnoli, Francesi, Inglesi, e sì, anche Arabi. Ci sono parecchi biondi/e in Sicilia, molti occhi azzurri, alcuni rossi. Alla fin fine, gli scuri di pelle non sono tantissimi. Non ho mai fatto una statistica, ma non mi sembra siano la maggioranza.

Al liceo avevo alcuni compagni che avrebbero potuto essere scambiati per terroristi arabi. Pelle scurissima, capelli ricci quasi crespi, nerissimi. Se si facevano crescere la barba, ti saresti trovato davanti a Bin Laden in persona.

Ieri sulla Repubblica (versione cartacea) ho letto di un pescatore di Lampedusa che viene avvicinato da alcuni poliziotti che lo aggrediscono a manganellate. Gli rompono il telefonino con cui stava conversando tranquillo sulla via principale del paese. Gli rompono anche la spalla. Poi si accorgono dell'errore: cercavano un immigrato clandestino, un tunisino. Si scusano con il malcapitato e spariscono in fretta.

La versione ufficiale è la solita: il pescatore si è fatto male cadendo da solo mentre veniva avvicinato dai poliziotti che urbanamente gli chiedevano i documenti. Certo, come no. Il pescatore è dovuto andare all'ospedale di Palermo per farsi mettere a posto la spalla, a sue spese naturalmente. Intervistato, sembra abbia detto: "se anche fossi stato un tunisino irregolare, non mi sembra quello il modo di trattare la gente". Quanta saggezza nei pescatori.

Giglioli nè da un commento sul suo blog.

Quello che mi sembra grave di questo episodio è che sia passato completamente in sordina. Mentre le prime pagine urlavano degli stupri ad opera dei clandestini, in una pagina secondaria di cronaca di qualche giornale veniva riportato un trafiletto con questa notizia, derubricata a cronaca minore. Da una parte degli stupri: crimini odiosissimi. Dall'altra parte, la violenza della polizia su persone inermi. Crimine altrettanto odioso.

I poliziotti devono fare il loro mestiere. Ma devono farlo bene. Bene vuole dire che episodi come quello raccontato dal pescatore non devono succedere, e i colpevoli dovrebbero essere perseguiti e cacciati dalla Polizia, per il buon nome di tutto il corpo. E invece, indovinate un po' che succederà.

2 commenti:

  1. Stasera su Blob ho visto e sentito, mi pare un certo Ronchi di AN, dire che questi stupratori di ragazzini non sono esseri umani, ma delle bestie. Magari fossero bestie: non avrebbero commesso questi crimini efferati che solo la nostra razza può commettere.

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo con te. Non è concepibile che un simbolo delle istituzioni picchino persone.

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.