lunedì 22 settembre 2008

Demo

Ragazzi, questo l'hanno fatto nel mio lab!



L'hardware e il software (scheda embedded + sistema operativo + sistema di sviluppo) sono stati forniti da Evidence S.r.l., una nostra start-up company.

Se volete vedere qualcos'altro di carino, qui ce n'è tutta una serie.

8 commenti:

  1. A dimostrare quanto siamo bravi! :)

    è solo una dimostrazione e non serve veramente a niente. Noi ci occupiamo di software, ma dimostrare quanto è ganzo un sistema operativo per sistemi embedded senza neanche uno schermo è difficile. I nostri colleghi di robotica se ne vengono fuori sempre con i loro video sexy, e noi cerchiamo di difenderci come possiamo! Questi sono di solito progettini per studenti che vengono particolarmente carini e li pubblichiamo per farci pubblicità, per l'appunto.

    RispondiElimina
  2. Complimentoni! L'avevo già visto, e in effetti indipendentemente dall'utilità pratica mi sembra proprio ingegnoso!

    Se lo mettereste sul mercato io lo comprerei come oggetto d'arredamento

    RispondiElimina
  3. Complimenti e' verametne incredibile!
    Ma come fa? sente il peso della sfera ?
    Sai per quale applicazione sarebbe utile: per la locomozione bipede di un robot.

    RispondiElimina
  4. @fabristol:
    Questo demo usa "un trucco". Il piano è un touch pad modificato opportunamente, quindi leggiamo la posizione x,y della palla istante per istante. Il tutto ci è costato circa 200 euro, se non sbaglio, perché la scheda hardware ce l'ha data la nostra ditta start-up a prezzo di costo, se no dovresti aggiungere circa altri 100 euro.

    Nel passato l'abbiamo fatto anche con una telecamera messa su un piatto non sensorizzato, ma usavamo un robot PUMA (alcune decine di migliaia di euro). Se non sbaglio su you-tube si trova anche un video con il PUMA (fatto da altri però).

    RispondiElimina
  5. Molto bello.
    E mi fa sentire inferiore.
    A me le palline cadono sempre ;-)

    RispondiElimina
  6. e questo l'avete fatto in una scuola superiore?
    Oh come cambiano i tempi. Mi ricordo quando mettevo nell'acido bruciandomi le maglie le basi per le lastre ramate di elettronica...

    RispondiElimina
  7. @sam: il solito qui pro quo! La Scuola Superiore Sant'Anna è la gemella della Scuola Normale. Quindi un istituto universitario che si "appoggia" all'Università di Pisa (Nonostante il nome, non c'è niente di cattolico o di religioso). I ragazzi che hanno realizzato il dispositivo sono quindi studenti universitari.
    qui per maggiori informazioni!

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.