giovedì 11 ottobre 2007

Il rimorso

A volte mi viene da pensare che ormai ci sia ben poco da fare per la Sicilia.

Micciché e la gaffe su Falcone "Triste un aeroporto col suo nome"

Sono le volte che mi sale in gola un rimorso amarissimo per essere andato via dalla mia terra a 18 anni. Da lì, forse, avrei potuto fare qualcosa di più. Forse.

Quando Giovanni Falcone fu fatto saltare in aria sull'autostrada, io ero in Sicilia, a casa dei miei. Ero già al terzo anno di Università a Pisa, ma mi trovavo in Sicilia (mi sembra di ricordare) per una pausa di studio subito prima del primo appello d'esame. Appena seppi la notizia dal telegiornale, cominciai a piangere a dirotto, irrefrenabilmente. Ed ancora adesso, a pensarci, mi viene da piangere. Sì, è vero, è triste atterrare a Punta Raisi e sentire il suo nome. Ed è triste vedere la scritta quando in autostrada ti avvicini all'aeroporto. Ed è straziante vedere il monumento dedicato al lui, a sua moglie e agli agenti della scorta, posto accanto all'autostrada, nel punto esatto in cui fecero il botto. La Sicilia è un posto tristissimo.

Ai non siciliani, consiglio di leggere il seguente libro. Potrebbe annoiarvi, oppure farvi innamorare della Sicilia. Leggetelo, ve ne prego.

Gaetano Savatteri "
I siciliani"
Laterza, 2006

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.