sabato 1 agosto 2015

Viaggio in Sicilia

Sono tornato nella terra natale da qualche giorno. Compiuto i soliti rituali: granita con brioche da De Gaetano, arancino da Enzo e Nino. Si piazza benissimo anche la pasticceria Savoia.


 Fa un caldo incredibile e si fatica a dormire la notte. Google mi dice che ci sono 34 gradi, ma a me sembrano almeno 38. Sarebbe da stare sempre a bagno al mare, che per fortuna quest'anno è bellissimo, sembra una piscina.

Ho trovato Marsala più o meno come un anno fa, forse un po' peggio. L'ammiistrazione comunale è stata commissariata per lungo tempo, e durante il commissariamento tutto è rimasto fermo, immobile. Il nuovo sindaco si è insediato da poche settimane, è ancora troppo presto per dare un giudizio, ma non credo si riuscirà a fare granché. Non ci sono soldi, non ci sono risorse, ma soprattutto mancano le persone in gamba, le competenze. Quasi tutti i diplomati vanno a fare l'università al nord, tantissimi giovani lavorano al nord e tornano qui solo per le vacanze.

Se non riparte il sud, l'Italia non ce la può fare. E fare ripartire il sud dovrebbe essere più facile perché è messo peggio, e basta poco per migliorare.

Quindi, cari amici imprenditori del nord: venite a investire nel sud d'Italia! Compratevi le case al mare in Sicilia, costano poco; venite a vedere quello che si può fare. C'è tanto da sfruttare, da produrre, da far crescere; per esempio, prendete la pasticceria e la tavola calda siciliana e esportatele nel mondo: altro che panino di MacDo, volete mettere le arancine siciliane?

Venite ad investire qui al sud e fatelo crescere, perché qui da soli non ce la faranno mai.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.