venerdì 3 giugno 2011

Drogati

Ieri sera guardavo con sconcerto su La7 la pubblicità di Repubblica e L'Espresso. Un gruppo editoriale che da anni fa campagne contro Silvio Berlusconi; che inneggia alle sue sconfitte; che organizza o partecipa a manifestazioni contro il governo; che per mesi aveva in prima pagina le famose 10 domande; un giornale insomma che non vede l'ora di superare il Berlusconismo liberandosi del suo protagonista: che fa?


Offre con il giornale il film documentario "Silvio Forever".

Questa è dipendenza, ragazzi, pura e semplice dipendenza, altro che eroina. Al sottoscritto, soltanto il pensare di guardarsi un documentario che ha come unico protagonista SB da il voltastomaco. Come se non dovessi già sorbirmelo ogni giorno nei telegiornali e sulle prime pagine dei quotidiani. Come se non fossero già usciti mille e più saggi e raccolte di detti e barzellette sul caro leader. Come se quasi ogni di editoriale di Repubblica e ogni numero dell'Espresso, non contenesse già almeno un articolo con la descrizione delle sue malefatte, i retroscena, le intercettazioni, etc. 

No, evidentemente per certa gente non basta: ne vogliono ancora.

Poveracci, come faranno quando Silvio non ci sarà più?

(Che poi il titolo: Silvio Forever.  Porta anche sfiga, maledizione!).

2 commenti:

  1. Due piccole osservazioni:
    1) i bambini amano farsi raccontare sempre la stessa favola;
    2) prova a guardare "la vita in diretta" o "punta il dito" o "i pakki".

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione, sono io quello strano che si stanca delle cose!

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.