giovedì 27 maggio 2010

Indagine sull'universita'

Qualche tempo fa si sono sentiti i soliti lamenti sull'inutilita', anzi sulla dannosita', della riforma 3+2.
Le lamentele erano dovute a un rapporto della corte dei conti che, a sentire AdnKronos, avrebbe bocciato il 3+2. In realtà, il rapporto diceva ben altro, e i soliti giornalisti hanno sintetizzato dopo una lettura poco attenta (per voler essere civili).

Adesso Alma Laurea ha fatto un'indagine, riassunta da un articolo su Repubblica. E viene fuori che il 3+2 ha portato dei vantaggi.

Quando nel 2001 fu proposta la riforma, la situazione era piuttosto negativa. Pochi laureati, un alto numero di anni per laurearsi, laureati lontani dalle esigenze delle aziende e del mercato. Per ingegneria, la media di anni necessari per laurearsi andava da 8 a 9, con punte di 13-15 anni. Il laureato in ingegneria usciva forse preparatissimo dal punto di vista teorico, ma con evidenti difficoltà pratiche, per cui aveva bisogno di essere ulteriormente "addestrato" una volta assunto. I professori formavano i propri studenti migliori per fare i ricercatori, non per fare gli ingegneri.

La riforma si proponeva molteplici obiettivi:
1) Accorciare il tempo di uscita dall'Università
2) Aumentare l'interazione con le aziende e con il mondo del lavoro
3) Internazionalizzazione (più inglese)
4) Uniformare il sistema accademico a livello europeo (dichiarazione di Bologna)

A leggere i risultati di Alma laurea, mi sembra che le cose stiano andando nel verso giusto. Poi c'è chi si lamenta che i laureati di oggi sono meno preparati di quelli di ieri. Forse. Ma forse è inutile prepararli tutti benissimo e poi buttarli in un mondo del lavoro che richiede sempre meno approfondimento. Forse è meglio calibrare il persorso didattico sulle esigenze di ognuno. In questo caso, ben venga la laurea triennale per chi vuole andare presto a lavorare; e la laurea magistrale per chi aspira a qualcosa di più; e infine il dottorato per chi aspira a un posto nel mondo della ricerca pubblica o privata.

Di quest'ultima cosa ne parlerò presto.

4 commenti:

  1. epperò non riesco a farmelo piacere. Ad esempio, per citare luoghi che conosco, i tre anni di Fisica non servono a nulla. In ogni caso, a parte il 3+2, tra le cose che non sono andate bene io ci metto i trimestri, l'atomizzazione dei corsi ed un uso a volte spregiudicato dei crediti. Aggiungo: il vizio tutto italiano di fare riforme quando ancora non si è capito che effetto ha avuto quella in corso. Da questo punto di vista hai ragione tu: bisogna capire bene come sono andate le cose prima di cambiare per il gusto di farlo.

    RispondiElimina
  2. Io ho la convinzione (pregiudizio?) che il triennio vada benissimo di per sé, ma non come prima parte del quinquennio.

    RispondiElimina
  3. @peppe: secondo me i trimestri, l'atomizzazione dei corsi, ecc. non sono necessariamente legati al 3+2. Per dirne una, a Pisa ci sono sempre stati i semestri, mai i trimesti. L'atomizzazione dei crediti fu fatta perché molti docenti pensavano a ritagliarsi il proprio orticello, e i corsi di laurea venivano organizzati male. Sono d'accordissimo: nella prima parte della "riforma", il 3+2 è stato un disastro. Ora si sta piano piano convergendo, come provato dalla riduzione dei corsi di laurea triennali, molti decisamente inutili. Per dire: una delle "prescrizioni" della riforma Gelmini forza le lauree magistrali ad avere corsi di minimo 6 crediti. E questo secondo me è un bene: meno corsi, più lunghi e più seri.
    Si poteva convergere molto prima, sono d'accordo. Purtroppo in Italia le cose non vanno sempre come ci si aspetta.

    @weissbach. può darsi che ci sia del vero in quello che dici. Nella fase pre-riforma, a Pisa fu tentato l'esperimento laurea-breve sganciato dalla laurea "normale". Ovvero, fin dall'inizio c'erano due percorsi separati. Sembrava sensato, ma fu recepito malissimo, e l'esperimento fu chiuso dopo appena 2 anni. Gli studenti la vedevano come una laurea di serie B e pochissimi si iscrissero, e quelli che lo fecero cercarono poi di rientrare, con grande spreco di tempo e forze. Le aziende non sapevano che farsene di "dottori di serie B". E finì lì.

    RispondiElimina
  4. Mi eero scordato di dire che è possibilissimo che il 3+2 non abbia senso per tutte le discipline. Per fisica e matematica, per dirne due, mi sembra piuttosto specioso, andava benissimo il 4 di prima. Per lauree più tecniche come ingegneria e economia invece, secondo me ha molto più senso. E d'altronde, basta guardare in altri paesi per rendersi conto che il modello "one fit all" è ridicolo.

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.