martedì 3 febbraio 2009

Futuro?

Questo pomeriggio ho interrotto il mio studio matto e disperato per partecipare ad una riunione presso la Scuola elementare "De Sanctis" dove forse vorremmo iscrivere il nostro erede. La riunione, organizzata dalle maestre, avrebbe dovuto illuminarci sull'organizzazione didattica della scuola e presentarci le attivita'.

La faro' molto breve: ho provato tristezza, rabbia, delusione, rancore, scetticismo, scoramento, sfiducia.

(Anzi no, saro' lunghetto perche' mi devo sfogare)

1) La scuola mettera' a disposizione solo l'orario di 40 ore (in barba alla possibilita' di scelta dei genitori). Nel circondario, 3 scuole su 4 forniranno solo le 40 ore, solo una fornira' le altre possibilita' (24, 27 e 30 ore). Indipendentemente da quante classi saranno formate. Sul modulo da compilare, per queste 3 scuole c'e' una sola casella barrabile: 40 ore.
Perche'? Mi rispondono che negli anni scorsi i genitori richiedevano quasi sempre il tempo prolungato (35 ore), quindi quest'anno hanno pensato di organizzarsi solo con le 40 ore. Mah, sara'.

2) Si tratta di 5 giorni di scuola (lunedi' - martedi'), 8 ore al giorno, dalle 8.30 alle 16.30

3) Le maestre ci hanno spiegato che dare compiti da fare a casa, dopo 8 ore passate a scuola, e' molto difficile, lo capiscono, ci mancherebbe. Vi immaginate un povero bambino di 6 anni che dopo 8 ore sui banchi torna a casa e deve studiare? "Si', ma i compiti a casa, anche pochi, sono utili perche' abituano il bimbo a riorganizzare le idee e gli insegnano a studiare da solo".
Ho chiesto: "Quindi? Li darete o no?". Risposta: "non sappiamo, vedremo. Certo, bisognerebbe darli. Vorra' dire che studieranno un po' il fine settimana".

4) In realta', le maestre non sapevano niente di niente di come sara' la scuola l'anno prossimo.
"Che faranno i nostri bambini in piu' rispetto all'orario di 24 ore"? Boh, probabilmente qualche attivita', forse, se ci sono contributi attiveremo qualche progetto (a pagamento).
"Ci saranno maestre distinte per le materie letterarie e per le materie scientifiche?" Boh, dipende dalle direttive che ci daranno dal ministero.

5) "Ci sara' il maestro unico?" Ci sara' il maestro prevalente. Comunque, dal ministero sono stati chiari che ci sara' sempre e solo un maestro alla volta.
"Ma allora l'orario come sara' organizzato?" Un insegnante copre 22 ore. Per arrivare a 40 ne servono almeno due, ma una di queste coprira' parte dell'orario (2 ore sono di religione).
Quindi ci saranno 2 maestre uniche! Anzi, una e mezzo. La maestra smezzata - questa nuova figura - forse sara' spalmata su piu' classi. O forse no. Bho.
"Ci sara' un maestro apposta per l'inglese?" Boh, dipende da cosa ci dicono dal ministero.
Invece l'ora di religione e' sacra (lo dice la parola stessa) e viene fatta da un'insegnante appositamente nominata dal vescovo, ovvio. Qui non ci sono mai limiti di budget, ci mancherebbe.

6) Le classi saranno formate al massimo da 27 bambini. 27. Bambini urlanti. "I bambini di oggi sono piu' vivaci, in tutti i sensi".
La ricreazione alle 10.30, dura 15 minuti, a volte 20, a volte un po di piu', dipende. Dopo la mensa, una mezz'oretta di gioco, poi in classe a fare altre attivita' o lezione.
"Le lezioni si svolgeranno di mattina?" No, anche il pomeriggio. L'orario sara' misto, si potranno fare lezioni e attivita' la mattina, e lezioni e attivita' il pomeriggio.
Tutto un pastone confuso. E chi li rimette a sedere 27 bambini urlanti dopo una mezz'oretta di gioco?

7) A un certo punto mi sono alzato e ho provato a chiedere se fosse possibile che venisse attivato l'orario di 30 ore, consistente nel fare l'uscita classica alle 13.30 per 3 giorni, piu' due prolungamenti pomeridiani. A questa mia richiesta, immediatamente l'assemblea di genitori (per la maggior parte mamme) si e' divisa in due fazioni, con una mamma che "a me le 40 ore fanno comodo"; un'altra che faceva notare che "non si possono parcheggiare i figli a scuola per 8 ore", e un'altra che urlava "voi che potete pagarvi le baby sitter andate a rompere i coglioni da un'altra parte", applausi, caciara (sempre tutto in caciara in questo paese, mai che si riesca a fare un discorso pacato e razionale).

8) Sospetto che l'orario da 40 ore serva soprattutto a garantire il posto di lavoro alle maestre. Prima la scuola "De Sanctis" forniva il tempo prolungato a 35 ore. Ora che questo orario non e' piu' disponibile tra quelli elencati dal ministero, per evitare di mandare a casa troppa gente si sono allungati a 40 ore quasi dappertutto.

9) E i bimbi? E la didattica? E la qualita' dell'insegnamento?
Oh, a parole sono tutti dalla parte dei bambini, ci mancherebbe. A partire dal ministro (si torna al maestro unico per migliorare la didattica!), e poi giu' giu' fino agli insegnanti e ai genitori. A parole. Ma in pratica ognuno tira dritto per la sua strada, strafregandosene degli altri. Ognuno fa i suoi interessi, difende le sue posizioni, le sue rendite. Ci vanno di mezzo i bambini che non si possono difendere? E pazienza. Ci arrangeremo.

10) Vi prego di notare:

Una maestra fa 22 ore la settimana. Sono faticose capisco. Probabilmente non e' possibile chiedere di piu'. Ma poi stacca, va a casa, fa la spesa, bada alla sua famiglia, e si riposa. Il fine settimana e' libero.

Un impiegato statale fa 36 ore la settimana. Poi va a casa, fa la spesa, si dedica ai suoi hobby. Il fine settimana e' spesso libero. Certo, non e' tutto tempo a disposizione, c'e' tanto altro da fare, la famiglia, ecc. Ma e' adulto, ha delle responsabilita'.

Un bambino fa 40 ore la settimana in 5 giorni. Non sono tutte di lezione, certo. Ma quando torna a casa, deve riaprire i libri e i quaderni (ne va della sua educazione!). E il fine settimana deve studiare la lezione per la settimana dopo. Anche un bambino ha bisogno di staccare ogni tanto, sapete?

10) Che futuro ci attende? Mi e' ritornata la voglia di emigrare.

5 commenti:

  1. Loro sono proprio le ultime ruote del carro, comunque...

    Mi preoccupa di più che si voglia togliere l'infanzia a bambini, costringendoli a stare 8 ore sui banchi!!!!

    RispondiElimina
  2. caro Knulp, splendido post e te lo dice un maestro. Comunque, non ti preoccupare: per convenzione nel tempo pieno i compiti a casa possono essere assegnati solo il finesettimana. Questo è ciò che accade, di prassi, nel mio circolo. Qualche compitino sarà assegnato dalla quarta elementare in poi, per abituarli ai futuri impegni della scuola media: ma non dovranno essere "compiti" per il giorno dopo. Per esempio, se avranno inglese il giovedì, l'insegnante potrà assegnare compiti per il giovedì successivo. Poi: l'intervallo del mattino nel nostro circolo dura mezz'ora (10.30/11); si va a mensa dalle 12.30 alle 13.20. Intervallo. Si ricomincia lezione alle 14.30. Fai sapere queste cose alle future maestre del tuo "erede".
    La legge Gelmini si presenta per quello che è: una cattiva legge, fatta e imposta con forza e furia, assolutamente non studiata e meditata.
    Infine, vorrei tranquillizzare Sam. Col tempo pieno, nella scuola elementare (pardon, primaria) non si toglie l'infanzia ai bambini: se hanno la fortuna di trovare un buon gruppo classe e dei buoni insegnanti, i bambini a scuola ci stanno proprio volentieri. E, a parte i primi giorni, le otto ore non faranno loro alcun ambascia.

    RispondiElimina
  3. "Una maestra fa 22 ore la settimana. Sono faticose capisco... Ma poi stacca, va a casa, fa la spesa"
    Mi moglie non insegna alle elementari e ha un orario un po' più esteso già contando solo le ore di lezione, ma il tempo che passa a scuola è ben di più.
    Non è neppure una che sta nella media; diciamo che magari esagera (ma tra le sue colleghe in molte sono così): io però mi trovo spesso ad aiutarla la sera e i fine settimana per la preparazione dei materiali.
    Per non parlare dei supporti informatici e cartacei che alla fine sono a nostro carico
    (le scuole non hanno più una lira per queste cose).

    Il tutto è per dire che non credo sia così semplice: "Sospetto che l'orario da 40 ore serva soprattutto a garantire il posto di lavoro alle maestre". Ma il posto di lavoro delle maestre elementari non dipende mica da quante ore "riescono" a fare: quelle che sono di ruolo, di ruolo restano. In mezzo ci saranno anche molte che se ne fregano, ma l'organizzazione dell'orario scolastico dipende molto poco dalla volontà degli insegnanti.

    La scuola è nel caos e chi può naviga a vista: se i dirigenti hanno scelto l'orario da 40 ore è probabilmente perché la maggior parte dei genitori ha orari di lavoro e famiglie tali da non riuscire a gestire altre possibilità, mentre gli altri si adeguano un po' meglio.

    Io ti consiglierei di preoccuparti della bravura degli insegnanti. Sono loro che, pur nelle difficoltà, faranno la qualità della scuola di tuo figlio. Che potrebbe trovarsi bene, col tempo pieno.
    Il mio ne è contento. Grazie soprattutto ai maestri che ha.

    RispondiElimina
  4. @sam: in effetti, raramente saranno 8 ore sui banchi (sebbene alcuni miei studenti universitari che hanno fatto il tempo pieno non parlavano benissimo dei loro ricordi da bambini).

    @luca: sono stato un po' impreciso sulla ricreazione e sul pranzo. Ora che mi fai ricordare meglio, gli orari sono quelli che hai riportato tu.

    Fatto sta che 40 ore continuano a sembrarmi troppe. Pensa se volesse fare qualche sport nel pomeriggio: con l'uscita alle 16.30 in inverno sarebbe praticamente impossibile. E poi sarebbe probabilmente già molto stanco.
    "La riforma Gelmini è una cattiva legge": me ne sto accorgendo! Domani ho una riunione al plesso, dopodomani una riunione ad una scuola che propone le 30 ore. Vi farò sapere che mi dicono.

    @weissbach: non intendevo dire che in assoluto 22 ore sono poche e poi gli insegnanti non fanno più niente. Mi sono espresso male. Ho avuto due genitori insegnanti di scuola media; e anche i genitori di mia moglie hanno insegnato alla scuola media. Ho vissuto gran parte della mia giovinezza tra discorsi su riunione di, consigli di classe, presidi, registri da compilare, programmazione, compiti da correggere, ecc.
    So bene quanto lavori un insegnante. Volevo solo mettere meglio in evidenza che 40 ore mi sembrano davvero troppe, ecco tutto.

    "Io ti consiglierei di preoccuparti della bravura degli insegnanti. Sono loro che, pur nelle difficoltà, faranno la qualità della scuola di tuo figlio." Purtroppo è una delle cose che non posso decidere: le classi si devono ancora formare, e con la nuova organizzazione non si sa chi farà cosa. Quindi oggi non so chi sarà la maestra di mio figlio, e mi sa che continuerò a non saperlo per un po'!

    Vi terrò aggiornati!

    RispondiElimina
  5. "Pensa se volesse fare qualche sport nel pomeriggio"
    Non capisco.
    Non vai in chiesa e poi
    porti tuo figlio a fare sport.
    Dalla padella nella brace! :-)

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.