martedì 13 gennaio 2009

La buona vecchia rubrica di "Cuore"

Mi manca tanto la vecchia rubrica di "Cuore" intitolata "Facce come il culo". Manca a tanti, lo so, perché di facce di culo è pieno il mondo, e ogni tanto qualcuno meriterebbe di apparire nella vecchia classifica.

Oggi a pranzo a casa guardavo il Tg3 (quindi sono notoriamente comunista), si parlava della nuova Alitalia, e sento Bonaiuti che dichiara "abbiamo scongiurato la svendita". Sono notoriamente un tipo controllato, ma a sentire queste parole mi è salito il sangue alla testa e ho battuto un pugno sul tavolo (SBAMM!!) che manca poco mi fratturo la mano. Mia moglie (che doveva essere immersa nei suoi pensieri) mi guarda sbigottita: "ma che fai??", e io "ma hai sentito che ha detto! mi fa inc...mmmm" "e tu spegni!", e ho spento il televisore. Poi ho contato fino a 10, poi fino a 20. Finalmente ho deciso di pensare a come definire Bonaiuti. Mi è venuto in mente solo che andrebbe nominato per la classifica di Cuore.

Riepiloghiamo: Prodi e TPS vogliono vendere Alitalia. Air France fa un'offerta, si prendeva tutto, baracca e burattini, perfino debiti, con un numero di esuberi tutto sommato controllato, a un prezzo basso ma ragionevole. Berlusconi grida al complotto filo-francese, questo accordo non s'ha da fare. I sindacati si mettono di mezzo, Air France si ritira, Berlusconi dirà poi che non è stata colpa sua ma dei sindacati. Va beh. Berlusconi convince Prodi al prestito ponte. Va al governo e, dopo aver compreso finalmente che Alitalia in quelle condizioni non se la comprava nessuno, scorpora quasi tutti i debiti mettendoli a carico nostro, aggiunge sul piatto Air One, blinda la tratta Roma-Milano con un monopolio legalizzato, e vende a una cordata italiana di "eroi".

I quali eroi, dopo aver risolto alcuni problemi sindacali (con drammatizzazioni collettive sulle 6 reti Rai-Mediaset, compreso l'intervento eroico di Veltroni che offre il proprio divano), eroicamente il primo giorno di attività vendono il 25% ad Air France. Che di fatto controlla la nuova compagnia, dato che gli "eroi" di mercato aereo non capiscono una mazza. Air France si ritrova una compagnia ripulita da debiti ed esuberi, e monopolista sulla tratta più redditizzia. Tra 5 anni gli eroi gli vendono tutto il resto della baracca dopo essersi intascati qualche soldino (vedi qui per una analisi più seria).

Attenzione: queste stesse cose ora le dice perfino Letizia Moratti! Bonjour madame, arriva un po' in ritardo però.

A questo punto se fossi francese sfotterei gli italiani tutta la vita (cosa che puntualmente avverrà al sottoscritto alla prossima conferenza o riunione di progetto europeo). Il grande imprenditore italiano SB ha quindi salvato l'onor nazionale: dei francesi, però. A noi, i debiti da pagare.

E dopo tutto questo, manda il suo portavoce a dirci in faccia che "abbiamo scongiurato la svendita"!.

(Ahi, stavolta la mano mi fa male sul serio! 1... 2... 3...)

3 commenti:

  1. Mi dispiace per la tua mano, ma tale indignazione ha prodotto uno splendido post. Complimenti.

    RispondiElimina
  2. questo, un commento dei cugini francesi: "Merci Silvio"...

    http://www.lesechos.fr/info/analyses/4818111-merci-silvio.htm

    RispondiElimina
  3. @luca: grazie per i complimenti, mi fai arrossire!

    @sam: grazie per il link! avevo gia' linkato l'articolo del sole 24 ore che linkava il giornale francese!

    RispondiElimina

I commenti vengono gestiti tramite Disqus. Siete pregati di autentificarvi prima di commentare.