giovedì 5 aprile 2012

Io sono vero

Kurt Vonnegut è uno dei miei autori preferiti. Nella sua vita ha dovuto subire, tra le altre cose, anche il dolore e l'onta di vedere bruciati alcuni suoi libri.

Potete trovare la storia, e la lettera che scrisse per protestare contro questo atto di vandalismo, su Letters of Note. Vi riporto l'incipit:
November 16, 1973

Dear Mr. McCarthy:

I am writing to you in your capacity as chairman of the Drake School Board. I am among those American writers whose books have been destroyed in the now famous furnace of your school.

Certain members of your community have suggested that my work is evil. This is extraordinarily insulting to me. The news from Drake indicates to me that books and writers are very unreal to you people. I am writing this letter to let you know how real I am. [continua...]

2 commenti:

  1. Dritta per dritta, mai sentito parlare della controversa opera di Wilhelm Reich - l'allievo preferito di Freud - e della sua tragica storia, per certi versi assai simile a quella di Kurt Vonnegut?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo Reich, grazie per la segnalazione, ho appena letto il pezzo su Wikipedia inglese. E in effetti, gli USA non sono nuovi alla barbarie del rogo di libri: Vonnegut e Reich non sono stati gli unici...

      Elimina

I commenti non sono moderati, quindi cercate di mantenere una certa etichetta nell'esprimere le vostre idee. Essendo questo il mio blog, sappiate che cancellerò i commenti che reputo non opportuni a mio insindacabile giudizio.